Post

Sarroch in ginocchio: l'incendio all'aia del 26 Luglio 1950

Immagine
Nel Luglio del 1950 un grande rogo mandò in fumo i sacrifici dei contadini sarrocchesi. Il racconto di quella terribile pagina di storia locale arriva fino a noi grazie alla testimonianza dell'allora Sacerdote Don Giovanni Serra e di alcune memorie storiche del paese.
In lingua sarda "su mes'e Argiolas" (Luglio) è il tempo in cui, dopo la mietitura, i cereali maturi vengono lasciati riposare sotto il sole in attesa del processo di trebbiatura, che prevede le fasi di battitura della fascina di grano, della separazione della paglia dalla granella tramite la ventilazione e scuotitura e infine della concia e raccolta. "Is Argiolas" erano infatti le aie, i luoghi dove il raccolto essiccava sotto i raggi del sole. A Sarroch l'area adibita a questa funzione - e che infatti era chiamata "Is Argiolas" - era sita nel punto in cui oggi sorge lo Stadio Comunale intitolato al sarrocchese calciatore del Cagliari Mario Tiddia. In questa piana i contadini del p…

Viaggio nel tempo: interviste a Vittoria Pinna e Nina Musu sui Parroci di Sarroch

Immagine
Pubblichiamo due straordinari documenti: le interviste del 2012 effettuate, per il sito della Parrocchia di Santa Vittoria, da Betti Caboni a Vittoria Pinna (classe 1917) e Nina Musu (classe 1918) sulla comunità di Sarroch e i ricordi dei sacerdoti che hanno segnato la vita del paese .
RICORDI DI SIGNORA VITTORIA PINNA di Betti Caboni
Signora Vittoria mi invita a sedermi di fronte a lei, con la sua consueta gentilezza e disponibilità, mentre sta preparando le zucchine al tegame. E’ molto orgogliosa nel rivelarmi che è nata nel 1917, quindi compirà 92 anni a settembre Il suo dolcissimo viso si illumina quando le chiedo se ricorda qualche sacerdote della nostra parrocchia.
- Li ricordo tutti, sono stata amica delle loro sorelle, nipoti e genitori. Insomma con tutte quelle persone che, di volta in volta, seguivano il parroco nel loro ministero a Sarroch.
- Con loro facevamo dolci e cucivamo. Fervente cattolica, splendida voce del coro, è sicuramente la persona giusta per trasmetterci i suoi ricor…

Storia e curiosità della Villa Brundu e delle personalità che l'hanno abitata

Immagine
Oltre alla Villa D’Orri e alla Villa Siotto, il territorio sarrocchese ospita anche un’altra importante dimora storica: la Villa Brundu di Via Cagliari. La caratteristica "casa rosa" è sempre stata una delle ville che più ha affascinato visitatori e cittadini del paese.
La casa era la dimora di famiglia del Dottor Antonio Brundu e della moglie Maria Frau, entrambi originari di Pula. Antonio era il medico condotto di Sarroch intorno ai primi anni del 900 e, così come la moglie, apparteneva ad una delle famiglie più benestanti dell’epoca. Era il figlio del Medico Carlo Brundu, Sindaco di Pula nel periodo post Unità d'Italia dal 1881 al 1895, prima del Cavaliere Agostino Frau che, invece, fu Sindaco dal 1898 al 1914. Il matrimonio di Antonio unì le due famiglie, giacché Maria Frau era la figlia del Cavaliere Agostino. I Frau erano una nobile famiglia molto in vista nella società dell'epoca che lasciò tracce importanti della propria presenza anche attraverso la famosa “Cas…

Sa Festa de su Cramu a Villa d'Orri

Immagine
In paese il 16 Maggio è sempre stato il giorno de “Sa Festa de su Cramu”: uno degli appuntamenti più amati che legava i sarrocchesi ai marchesi Manca di Villahermosa, proprietari della storica Villa d’Orri all’interno della quale è inglobata la Chiesetta dedicata alla Madonna del Carmine.
La storia della Chiesetta e di Orri ha radici lontane. Si racconta che nel cinquecento sorgeva in quest’area un Monastero di Frati. Del resto, il territorio di Sarroch, lungo i secoli, ha ospitato numerose istituzioni religiose che hanno rappresentato una costante nella vita del paese.  Nel 900 un monastero di Frati è documentato nell’attuale area in cui sorge il cosiddetto "spaccio Saras". Prima del 900, informatori riportano testimonianze indirette di racconti su monasteri di suore o frati collocabili anche nel centro abitato di Sarroch di fronte alla Chiesa di Santa Vittoria, nell’angolo tra Via Sassari e Via Trento nello storico rione di Sriboneddu e in Via Lamarmora nel rione di Tonara. …