La Festa di Sant'Efisio a Sarroch

Il 1° maggio di ogni anno, da più di tre secoli e mezzo, Cagliari, Capoterra, Sarroch, Villa San Pietro, Pula e tutta la Sardegna, festeggiano la Festa di Sant'Efisio. Uno straordinario momento di devozione e tradizioni centenarie che si fondono in una processione che non ha eguali in tutto il mondo. [ENGLISH VERSION]


LA STORIA DI SANT'EFISIO
Efisio nasce alla metà del III secolo a Gerusalemme, da madre pagana e padre cristiano. Anche se educato dalla madre all’idolatria, Efisio si mostra insofferente alla dottrina.
LA VITA MILITARE - Si arruola ufficiale dell’esercito romano sotto l'imperatore Diocleziano, (forse spinto dalla madre) e viene mandato in Italia a combattere i cristiani. È infatti per questo motivo che il simulacro del santo lo ritrae in abiti militari.
LA CONVERSIONE - Durante il viaggio verso l’Italia gli si presenta una croce accompagnata da tuoni e fulmini, cadendo in uno stato di stordimento ode la voce di Gesù che gli racconta il suo futuro martirio per la fede cristiana. Arrivato a Gaeta viene battezzato, decide così di battersi per la fede e di sconfiggere il paganesimo. A questo punto decide di intervenire in difesa dei Cristiani della Sardegna perché viene a conoscenza delle tribù che vivono ancora immerse nel paganesimo tra i monti dell’interno.
L'ARRIVO IN SARDEGNA - Giunto nell'Isola diffonde il Vangelo e si circonda dei primi fedeli. Preso dal fervore della fede scrive una lettera all’imperatore affinché si converta, ma ottiene l’effetto contrario, tanto che viene incarcerato e punito con orribili pene. Le ferite inferte sul corpo di Sant’Efisio guariscono grazie all'opera degli angeli, si racconta. La notizia di questo evento miracoloso arriva alla bocca di tutti in città con la conseguente conversione di altre persone. Diocleziano, venuto a conoscenza di questo e di altri miracoli, ordina la condanna a morte del santo martire a Nora, e non a Cagliari per il timore di insurrezioni.
LA PROTEZIONE - Il santo prima di morire chiede a Dio di proteggere il popolo Sardo dai nemici e dalle malattie, ed è per questa richiesta che nei momenti più tragici della storia cagliaritana e sarda, il popolo si è rivolto e si rivolge a lui affinché interceda presso Dio. (Fonte Unione Sarda)

IL RITO
Il rito ha origine da un Voto del 1652 della Municipalità di Cagliari, oggi custodito presso l’Archivio storico, nel quale s’invoca l’intercessione di Sant’Efisio per far terminare la peste e ci si impegna a celebrare ogni anno e perpetuamente una Festa solenne.
Dal 1657 si ripete annualmente la cerimonia in onore di Sant’Efisio: un Pellegrinaggio che parte da Cagliari fino al luogo del martirio del Santo nella Chiesetta di Nora, passando per Sarroch nella Cappella della Madonna del Carmelo a Villa d'Orri, nella Chiesa di Santa Vittoria e trattenendosi la notte nella Casa Mascia. Ogni 1° di maggio, quindi, i fedeli accompagnano il Santo in questa tradizionale processione, per poi tornare alla sua Chiesa di Stampace il 4 maggio entro la mezzanotte. (Fonte CagliariTurismo.it)

LA FESTA.
Il cammino di Sant'Efisio è un rito che attira turisti da tutto il mondo e migliaia di fedeli da tutta l'isola. Oltre ai riti religiosi le amministrazioni del territorio organizzano eventi di grande pregio artistico e culturale che fanno da corollario al cammino del Santo. È possibile conoscere il programma dettagliato degli eventi seguendo questo portale e le pagine istituzionali di enti e organizzazioni promotrici.


 ALBUM FOTOGRAFICI



VIDEO



Post popolari in questo blog

La storia della famiglia Siotto a Sarroch

La Villa d'Orri: storia e caratteristiche dell'unica villa reale in Sardegna

S'Antiga Buttega de Sarroccu

La leggenda di Genniauri

Sarroch e la sua storia