L'ex scuola Luigi Siotto

Costruita dopo la grande guerra grazie all'intervento della famiglia Siotto, intitolata al figlio caduto durante il primo conflitto mondiale, la Scuola Luigi Siotto è uno dei più suggestivi edifici di proprietà del Comune di Sarroch.

Ex scuola, ospita nel piano terra la Biblioteca Comunale e una piccola sala convegni.
Il recente restyling dell'edificio e della prospiciente piazza ne hanno esaltato l'architettura e la presenza predominante nello skyline del paese.
Dal punto di vista storico, il progetto risale alla prima metà del 900. Accantonata l'idea di ampliare il vecchio caseggiato della scuola, si decise di costruire un nuovo edificio: venne individuato un terreno all'inizio dell'abitato, vicino alla strada provinciale, che il proprietario Giuseppe Siotto donerà al comune nel 1933 con la clausola che nell'atrio o nell'aula più importante dell'edificio fosse apposta una lapide «con i nomi dei combattenti di Sarroch caduti nell'ultima guerra, lapide che sarà monito, esempio ed insegnamento alle generazioni venture», e con l'auspicio che la scuola venga intitolata al figlio Luigi, morto in combattimento nel 1915. L'ingegner Alberto Sanjust venne incaricato di redigere il progetto ed i lavori, affidati all'impresa di Venanzio Fanti, inizieranno nel gennaio del 1934, e finalmente il 28 ottobre dello stesso anno, con un discorso del maestro Efisio Dessi, ci fu l'inaugurazione della nuova scuola, costruita su due piani (il terzo piano verrà costruito negli anni Sessanta), che comprendeva sei aule e altri sei ambienti destinati a sale per gli insegnanti ed ai servizi igienici. ("Sarroch - storia, archeologia e arte", Comune di Sarroch, a cura di Roberto Coroneo.)

Foto @colors&makeup


COME ARRIVARE

Post popolari in questo blog

La storia della famiglia Siotto a Sarroch

La Villa d'Orri: storia e caratteristiche dell'unica villa reale in Sardegna

S'Antiga Buttega de Sarroccu

La leggenda di Genniauri

Is Animeddas & Su Mortu Mortu: la festa dei morti in Sardegna e ciò che resta della tradizione a Sarroch