Le antiche feste di Santu Antoni e Santu Srebestianu nella memoria storica di Sarroch

Anche a Sarroch, fino agli anni cinquanta, Gennaio era un mese ricco di tradizioni, come su fogadoni e il rito della preparazione de su pan'e saba, collegati al culto di due santi la cui venerazione è sempre stata molto popolare in tutta la Sardegna: Sant'Antonio e San Sebastiano.


Nella società di oggi l'inizio dell'anno è quindi noto per i festeggiamenti di Capodanno e l’Epifania, diversa era invece la situazione fino ai primi decenni del novecento, quando ancora erano forti le tradizioni ereditate dal passato e il culto dei santi era una delle poche occasioni per spezzare la dura monotonia della vita dei campi e del pascolo. Le feste dedicate ai santi erano quindi molto attese, sia da un punto di vista religioso che civile, con il ruolo svolto da alcune tipicità culinarie e dagli svaghi popolari dell'epoca come la musica tradizionale, gli improvvisatori dialettali e il ballo sardo in piazza.
Ma come possiamo immaginare quindi le feste di Sàntu Antòni e Sàntu Srebestianu a Sarroch e in tutta l'isola? Quali erano i riti e le tradizioni seguite dai nostri avi? 
In questo articolo proveremo a fornire delle risposte, partendo proprio dalla figura dei due santi. 
Sant'Antonio, considerato il primo Abate e fondatore del monachesimo, è uno dei più illustri santi della storia della Chiesa. Nato in Egitto intorno al 250, abbandonò ogni cosa per vivere come un eremita. Diversa, invece, la storia di San Sebastiano, nato nel 256, militare romano e martire per aver sostenuto la fede cristiana proprio come Sant'Efisio. Due santi il cui culto ha avuto un ruolo molto importante nella tradizione popolare sarda e sarrocchese.



RITI E FESTEGGIAMENTI A SARROCH E IN SARDEGNA. Per ricostruire in modo dettagliato il culto di Sant'Antonio e San Sebastiano, ci rivolgeremo alle più recenti fonti orali intervistate per la stesura di questa ricerca (informatori e informatrici nate tra gli anni venti e quaranta del novecento), alle testimonianze raccolte nell'opera di Teresa Tinti "Dall'Antigori alla Saras: Immagini di Sarroch" e ad alcuni importanti testi di approfondimento sul tema delle tradizioni nell'isola. 
Per iniziare, possiamo affermare che....

LA VERSIONE INTEGRALE DELLA RICERCA SARA' DISPONIBILE IN UNA PROSSIMA PUBBLICAZIONE

Commenti

Post popolari in questo blog

La Villa d'Orri: storia e caratteristiche dell'unica villa reale in Sardegna

La storia della famiglia Siotto a Sarroch

Is Animeddas & Su Mortu Mortu: la festa dei morti in Sardegna e ciò che resta della tradizione a Sarroch

S'Antiga Buttega de Sarroccu

La leggenda di Genniauri