Storia e curiosità della Villa Brundu e delle personalità che l'hanno abitata

Oltre alla Villa D’Orri e alla Villa Siotto, il territorio sarrocchese ospita anche un’altra importante dimora storica: la Villa Brundu di Via Cagliari. La caratteristica "casa rosa" è sempre stata una delle ville che più ha affascinato visitatori e cittadini del paese.
Foto d'epoca. Fonte @Francesco Pintor

La casa era la dimora di famiglia del Dottor Antonio Brundu e della moglie Maria Frau, entrambi di importanti famiglie notabili originarie di Pula. Antonio era il medico condotto di Sarroch intorno ai primi anni del 900. Era il figlio del Medico Carlo Brundu Cima, Sindaco di Pula nel periodo post Unità d'Italia dal 1881 al 1895, prima del Cavaliere Agostino Frau. Carlo Brundu Cima era a sua volta figlio del Luogotenente Colonnello del Regio Esercito e Direttore della Regia Fabbrica delle Polveri Salvatore Brundu (sposato con Teresa Cima, sorella dell'Architetto Gaetano) e nipote del Notaio Giovanni Antonio Brundu, Segretario della Prefettura di Cagliari attorno alla seconda metà del 700. 
Il matrimonio di Antonio unì le due importanti famiglie pulesi, giacché Maria Frau era la figlia del succitato Cavaliere Agostino, Sindaco di Pula dal 1898 al 1914. I Frau erano una nobile famiglia molto in vista nella società dell'epoca che lasciò tracce importanti della propria presenza anche attraverso la famosa “Casa Frau”, oggi di proprietà comunale, storica dimora che si affaccia sulla Piazza del Popolo. La personalità più di rilievo della famiglia era Agostino Frau, nominato Cavaliere della Corona d’Italia per i numerosi anni di sindacatura. Agostino era fratello di Salvatore Frau, detto "Biccu", importante impresario edile che costruì la stessa casa Frau, la Villa che oggi ospita il Museo Patroni, la bella Chiesa di San Giovanni Battista e anche la nostra Villa Brundu. Anche per questo, non sono un caso, osservando bene la Villa sarrocchese, le notevoli somiglianze con la Casa Frau di Pula.
Antonio Brundu era amico intimo di Don Peppiccu Siotto, nonché spesso ospite alla Villa Siotto, e pur vivendo in paese continuava ugualmente a mantenere i legami con la classe borghese e agiata dell’epoca. Morì il 30 dicembre 1917 a poco più di quarant'anni, lasciando moglie e cinque figli piccoli.....

[...]

LA PRESENTE RICERCA, IN UNA NUOVA VERSIONE AGGIORNATA E AMPLIATA, TORNERA' AD ESSERE INTEGRALMENTE DISPONIBILE ALL'INTERNO DI UNA PROSSIMA PUBBLICAZIONE SU STORIA E TRADIZIONI DI SARROCH, CURATA DALL'ASSOCIAZIONE "VISIT SARROCH - NATURA, ISTORIA & TRADITZIONIS".

Post popolari in questo blog

La Villa d'Orri: storia e caratteristiche dell'unica villa reale in Sardegna

La storia della famiglia Siotto a Sarroch

S'Antiga Buttega de Sarroccu

Is Animeddas & Su Mortu Mortu: la festa dei morti in Sardegna e ciò che resta della tradizione a Sarroch

La leggenda di Genniauri