HAP''AGATAU - Poesia di Ignazio “Zino” Sechi

Siamo onorati di pubblicare la bella poesia in lingua sarda del sarrocchese Ignazio "Zino" Sechi, arrivata al secondo posto della 14ma edizione del "Premio letterario arborense" del 2002. 



HAP''AGATAU... 
di Ignazio “Zino” Sechi

Hap' 'agatau una perda in s'or' 'e mari 
totu pren' 'e venàgius coloràus, 
coloris fortis e crarus, delicàus 
propriu coment' 'e perda de artari.  
D'hapu castiada beni cun sa lenti 
e, in mesu, hapu biu una luxi strana: 
comenti candu obergiu sa fentana 
ananti de unu mari risplendenti.  
Sigu a castiai in cussu mar' 'e celu 
candu mi biu una cascia antgh' 'i oru 
asub' 'e s'aqua e aintru unu tesoru 
chi luxiat a su soli chen' 'e velu.  
Ci fiant a intru playas aundi s'unda 
s'imbruscinat pren' 'e trinas biancas, 
e abbondantizia de trigus in is tancas 
cun manigas appilladas'a sa tunda.  
E ancora nuraxis, e in is pranus 
matas e arrius prenus de sonus 
lassaus de Babbu Eternu a prenas manus... 
castiendi cussa perda hapu sonnau 
de ti biri diciosa in donnia annada 
e stimada de onniunu, no imbìdiada, 
ca s'imbìdia fai curri  a su pecau!

HO TROVATO. Ho trovato una pietra in riva al mare/ striata di venaggi colorati/ colori forti e chiari, delicati,/ proprio come pietra di altare./ L'ho guardata bene con la lente/ e, al centro, ho visto una strana luce:/ come quando apro la finestra/ davanti ad un mare risplendente./ Seguo con lo sguardo quel mare turchino/ quando scorgo una cassa d'oro antica/ sull'acqua e dentro c'era un tesoro/ che luciccava al sole senza nubi./ Dentro c'erano spiagge dove l'onda/ si infrangeva in tante trine bianche,/e abbondanza di messi nelle tanche/ con covoni ammucchiati a cono./ E poi nuraghi, e nelle pianure/ alberi e ruscelli pieni di suoni/ di launeddas e scacciapensieri come doni/ elargiti dal Padre Eterno a piene mani.../ Guardando quella pietra ho sognato/ di vederti, ogni anno, fortunata/ e stimata da tutti, non invidiata/ perché l'invidia induce al peccato.

Si ringrazia Davide Sechi per la condivisione dell'opera. 
Ignazio "Zino" Sechi a Villa d'Orri.

Post popolari in questo blog

La storia della famiglia Siotto a Sarroch

La Villa d'Orri: storia e caratteristiche dell'unica villa reale in Sardegna

S'Antiga Buttega de Sarroccu

Is Animeddas & Su Mortu Mortu: la festa dei morti in Sardegna e ciò che resta della tradizione a Sarroch

La leggenda di Genniauri